Iperammortamento 250 per cento proroga

  • 16 febbraio 2018
Iperammortamento 250 per cento: proroga al 31 dicembre 2019

Iperammortamento 250 per cento fino al 31 dicembre 2019: è questa una delle novità previste dalla bozza di Legge di Bilancio 2018 per le imprese che amplia le misure previste dal piano Industria 4.0.

Già con il Decreto Mezzogiornoera stata prevista una proroga dell’iperammortamento al 250% fino al 30 settembre 2018, tuttavia per il riconoscimento del diritto a beneficiare della maxi-deduzione per investimenti in beni strumentali digitali è necessario rispettare specifiche scadenze e regole.

Come noto, l’iperammortamento al 250 per cento riguarda i beni strumentali materiali nuovi e interconnessi, ovvero che siano in primo luogo caratterizzati da un alto tasso di digitalizzazione.

L’elenco dei beni strumentali per i quali è riconosciuto l’iperammortamento al 250% dovrebbe restare invariato e si tratta di quelli individuati all’allegato A della Legge di Bilancio 2017.

La proroga dell’iperammortamento fino al 2019 è attualmente soltanto una delle novità fiscali previste dal Governo ma non ancora ufficiali, prevista dal testo della bozza della Manovra 2018.

Cerchiamo, di seguito, di capire quali sono i termini per beneficiare dell’iperammortamento al 250%, le scadenze attualmente previste dal DL Mezzogiorno 2017 e la nuova possibile proroga inserita nella Legge di Bilancio 2018.

Iperammortamento 250 per cento: proroga al 31 dicembre 2019

La proroga dell’iperammortamento al 250 per cento è una delle novità rivolte alle imprese e inserite nella Legge di Bilancio 2018.

Attualmente, tuttavia, non si tratta di una disposizione in vigore ma di una misura che dovrà superare il vaglio del Parlamento, allo stesso modo di quando previsto in merito alla proroga del super ammortamento.

In base a quanto previsto dalla bozza della Manovra 2018, per gli investimenti in beni materiali strumentali nuovi compresi all’elenco dell’allegato A della Legge di Bilancio 2017, il costo di acquisizione è maggiorato del 150 per cento anche:

“per gli acquisti effettuati entro il 31 dicembre 2018, ovvero entro il 31 dicembre 2019, a condizione che entro la data del 31 dicembre 2018 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20 per cento del costo di acquisizione.”

In sostanza, la bozza di Legge di Bilancio 2018 prevede la possibilità di beneficiare della proroga dell’iperammortamento fino al 31 dicembre 2019 a patto che:

  • l’ordine risulti accettato entro il 31 dicembre 2018;
  • il pagamento di acconti pari almeno al 20% del costo del bene risulti effettuato fino al 31 dicembre 2018.

Stesse regole che, seppur con scadenza diversa, valgono anche ora in merito alla proroga della maggiorazione del 150% del costo di acquisizione del bene inserita con il DL 91/2017.

Iperammortamento al 250 per cento per gli acquisti effettuati entro il 30 settembre 2018

Il DL 91/2017 aveva già introdotto una proroga dell’iperammortamento al 250%, con la possibilità di fruire della maggiorazione del costo e dell’extra deduzione contabile per gli acquisti effettuati fino al 30 settembre 2018.

Alle scadenze sopra elencate deve distinguersi il momento a partire dal quale è possibile fruire del beneficio fiscale. La deduzione del costo del bene ammortizzabile, maggiorato del 150%, è riconosciuto a partire dall’esercizio di entrata in funzione del bene.

Si tratta del requisito di interconnessione del bene al sistema aziendale, previsto dal comma 11 dell’art. 1 della Legge di Bilancio 2017, identificato con il momento a partire dal quale il bene oggetto di iperammortamento al 250% entra effettivamente in funzione.

Si ricorda che per i beni oggetto di iperammortamento è possibile beneficiare anche del super ammortamento al 140% per l’acquisto di beni immateriali(software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni) connessi a investimenti in beni materiali Industria 4.0.

Iperammortamento 250 per cento: le novità della Legge di Bilancio 2018

La proroga dell’iperammortamento fino al 31 dicembre 2019 non è l’unica novità prevista dalla bozza della Legge di Bilancio 2018.

Oltre a modificare i termini di scadenza per l’ordine del bene e per il pagamento degli acconti, all’interno delle misure di cui al piano Industria 4.0 viene prevista la possibilità di sostituire i beni oggetto di iperammortamentonel rispetto delle seguenti regole:

  • l’impresa sostituisca il bene originario con un bene materiale strumentale nuovo avente caratteristiche tecnologiche analoghe o superiori a quelle previste dall’allegato A alla legge 11 dicembre 2016, n. 232;
  • attesti l’effettuazione dell’investimento sostitutivo, le caratteristiche del nuovo bene e il requisito dell’interconnessione secondo le regole previste dall’articolo 1, comma 11, della legge 11 dicembre 2016, n. 232.

Ricordiamo che si tratta di misure attualmente ancora in bozza e che dovranno essere confermate con l’approvazione definitiva del testo della Legge di Bilancio 2018.

Fonte: www.informazionefiscale.it/ 

 

Contattaci per maggiori informazioni!

*
*

Informativa sul trattamento dei dati personali

(Ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 no. 196)

Con la presente la Project Informatica s.r.l. (di seguito la "Società"), quale Titolare del Trattamento, ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali ("Codice Privacy"), intende fornire agli utenti le informazioni volte ad illustrare i trattamenti eseguiti dalla Società sui dati personali ("Dati") forniti dall'utente mediante la compilazione del modulo contatti o della richiesta di demo.

Finalità del trattamento:

I. I dati sono raccolti per la finalità di gestione e risposta alle richieste pervenute.

II. Elaborazioni statistiche anonime relative ai profili degli utenti, atte a creare prodotti e servizi più funzionali alle esigenze degli stessi utenti/clienti;

III. Compimento di ricerche di mercato, invio di offerte personalizzate e/o inviti ad eventi di varia natura, nonché materiale informativo e comunicazioni di marketing, mediante posta, anche elettronica e telefono fisso.

Modalità di trattamento

In relazione alle suddette finalità, il trattamento dei dati personali sarà effettuato principalmente con l’ausilio di mezzi elettronici e automatizzati ma potrà prevedere anche trattamento manuale e cartaceo.

Natura del conferimento

Il conferimento dei dati è facoltativo, ma la mancata fornitura dei dati contrassegnati da un asterisco ci impedirà di gestire le sue richieste;

La finalità III (marketing diretto e/o invio newsletter) sarà attuata solo dietro suo espresso consenso.

Comunicazione e Diffusione

I dati raccolti tramite il modulo di richiesta contatto o demo non sono generalmente comunicati a soggetti esterni né tantomeno diffusi, esiste la possibilità tuttavia che i suoi dati siano comunicati a soggetti i coinvolti nella demo da lei richiesta (per esempio vendor o fornitori).

Diritti dell’interessato

A norma dell’art. 7 del codice potrà conoscere i suoi dati e farli integrare, modificare o cancellare per violazione di legge, od opporsi al loro trattamento (o per esercitare gli altri diritti previsti Codice), rivolgendosi al titolare del trattamento.

Titolare del trattamento

Titolare del trattamento è Project Informatica srl, Via C. Cattaneo, 6 24040 Stezzano (BG).

Responsabile del trattamento

Responsabile del trattamento è Alberto Ghisleni.

Proseguendo, dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy e do il consenso al trattamento dei miei dati personali ai sensi dell'art.13 del D.Lgs.196/2003 e delle disposizioni del Regolamento UE 2016/679 (GDPR).